Prevenzione della Corruzione

Piano triennale, responsabile, regolamenti per la prevenzione della corruzione e della trasparenza, relazione del responsabile, provvedimenti adottati dall'A.N.AC. ed atti di adeguamento a tali provvedimenti, atti di accertamento delle violazioni

Art. 1 c. 3-8-14, l. n. 190/2012; art. 10 c. 8 lett. a) e art. 43 c. 1 d.lgs. n. 33/2013; Art. 18 c. 5, d.lgs. n. 39/2013


Titolo Descrizione Data di pubblicazione  
PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Il Piano Triennale di prevenzione della corruzione (PTPC), secondo il disposto dell'articolo 1 della Legge 6 novembre 2012, n. 190, costituisce la modalità principale attraverso la quale le amministrazioni pubbliche definiscono e comunicano all’ANAC “la valutazione del diverso livello di esposizione degli uffici a rischio di corruzione e indicano gli interventi organizzativi volti a prevenire il medesimo rischio“ (articolo 1, comma 5). Il PTPC rappresenta, quindi, lo strumento attraverso il quale l’Amministrazione descrive il “processo” finalizzato ad implementare una strategia di prevenzione del fenomeno corruttivo ovvero all’individuazione e all’attivazione di azioni, ponderate e coerenti tra loro, capaci di ridurre significativamente il rischio di comportamenti corrotti. Esso, quindi, è frutto di un processo di analisi del fenomeno stesso e di successiva identificazione, attuazione e monitoraggio di un sistema di prevenzione della corruzione. 17/11/2016